Smaf Broker


RC Geologi



 Il riferimento normativo che regola la professione del Geologo riferisce principalmente alle seguenti Leggi:



* Legge 112/63

* DPR 328/01



Occorre necessariamente riferirsi anche a tutte quelle norme specifiche che intervengono in ogni settore nel quale è possibile un potenziale coinvolgimento professionale del Geologo attraverso la redazione di specifiche relazioni tecniche come, ad esempio:



* Relazioni geologiche

* Relazioni geotecniche

* Relazioni idrogeologiche

* Relazioni geofisiche, ecc.



In via esplicativa e non esaustiva, riportiamo di seguito alcune attività sempre incluse:



* attività di consulenza, collaudo, ricerche catastali;

* attività di consulenza ecologica, ambientale e per le cave;

* incarichi di perito per perizie extra giudiziali ed arbitrati;

* rilevamenti topografici e relazioni tecniche per visure ipotecarie e/o catastali;

* estimo di fabbricati a qualsiasi uso destinati di aree fabbricabili, di fondi rustici, di frazionamento edilizio e lottizzazioni;

* certificazione in dipendenza della legge per la prevenzione incendi e della legge 46/90 e successivi decreti di attuazione;

* certificazione in dipendenza della legge sanatoria dell’abusivismo edilizio;

* supporto del Coordinatore Unico previsto dall’Art. 7 comma 5 della Legge 109/94, D.Lgs. 163/06 e s.m.i.;

* consulenze ambientali e sulla sicurezza del lavoro relative al T.U. 81/2008 e s.m.i.;

* i rischi derivanti dall’attività espletata in ottemperanza a quanto disposto dalla Legge 166/02 e s.m.i.;

* i danni conseguenti ad impoverimento, interruzione o deviazioni di sorgenti o corsi d’acqua;



La polizza indennizza il professionista, subordinatamente ai termini, limitazioni, esclusioni e condizioni in essa contenuti



* Per tutte le somme che questi sia tenuto a pagare a terzi a titolo di risarcimento danni per responsabilità civile professionale.

* Per gli eventuali costi di difesa sostenuti



Le attività coperte sono tutte quelle consentite dalla legge e dai regolamenti che disciplinano l'esercizio della professione, purché al momento dell’atto illecito, il professionista assicurato sia regolarmente abilitato ed iscritto all’Albo Professionale dell’ordine e non sospeso, per qualunque causa, dall’esercizio della professione.